Bergamo, 100.000 euro dalla Provincia per progetti sovracomunali

Il coordinamento dell’iniziativa sarà gestito dal nuovo settore Sviluppo e dal servizio Aree omogenee che sarà attivo in via Tasso a partire da gennaio in seguito alla riorganizzazione del personale

28 dicembre 2015
Guarda anche: BergamoEconomiaProvinciaValle BrembanaValle Seriana

Rossi Bergamo

La Provincia di Bergamo finanzia con 100mila euro progetti per lo sviluppo territoriale nell’ambito di azioni di rete locale. Il coordinamento dell’iniziativa sarà gestito dal nuovo settore Sviluppo e dal servizio Aree omogenee che sarà attivo in via Tasso a partire da gennaio in seguito alla riorganizzazione del personale. 

Il presidente della Provincia Matteo Rossi, promotore dell’iniziativa, ha firmato il decreto con il quale è stato stanziato il fondo e sono state approvate le linee guida che le amministrazioni locali dovranno seguire per la presentazione delle proposte, che nell’ottica delle nuove Aree omogenee non dovranno riguardare la singola amministrazione ma contenere azioni di rete locale, compresa la cooperazione tra soggetti pubblici e privati.

Il Presidente sottolinea l’innovazione che caratterizza questa iniziativa: “E’ un piccolo passo, ma è fatto nella direzione giusta, ed è questo ciò che conta. Puntiamo sulla sovracomunalità e sulla rete pubblico – privato svolgendo quel ruolo di sostegno e di regia che molti chiedono e che ci assegna la riforma Delrio.  La finalità è la promozione di uno sviluppo locale che parta dalla concertazione fra soggetti del settore pubblico e privato e della società civile, capace di favorire la nascita di progettualità significative ed efficaci per lo sviluppo della comunità bergamasca. Riteniamo che su questi e altri progetti possa inoltre contribuire il lavoro dell’Ufficio Europa, oggi con la formazione già in corso per più di sessanta Comuni, domani intercettando le risorse messe a disposizione dall’Unione Europea “.

Come accedere ai contributi

I progetti devono essere presentati alla Provincia entro il 15 gennaio 2016.
Gli enti interessati ad effettuare richiesta di contributo devono inviare entro il 30 dicembre 2015 una manifestazione d’interesse secondo quanto indicato nelle linee guida.

Chi può presentare domanda: Soggetti capofila di reti territoriali, individuati tra i Comuni, Associazioni dei Comuni, Unioni dei comuni, e Comunità Montane. La rete  deve essere formalizzata attraverso la stipula di accordi di partenariato. Verranno preferibilmente sostenuti progetti promossi da reti di partenariato locale che comprendano un ampio e rappresentativo numero di enti locali, Consorzi, Aziende speciali e soggetti privati.

Aree di intervento: possono essere sostenuti progetti i cui obiettivi rispondano alle esigenze dello sviluppo locale di un determinato territorio e che comprendano azioni di rete, rientranti nelle seguenti macro aree di intervento:
– Sostegno all’orientamento scolastico – professionale e l’occupazione;
– Aggregazione turistica territoriale;
– Tutela e valorizzazione dell’ambiente;
– Miglioramento del sistema della viabilità locale e del trasporto pubblico locale.

Possono altresì essere proposte ulteriori azioni di rete nell’ambito di altri settori di intervento, a seconda dei fabbisogni specifici di un determinato territorio.

Il contributo della Provincia verrà assegnato, fino ad esaurimento delle risorse complessive disponibili, sulla base della valutazione della pertinenza e validità della proposta presentata.

Scarica il testo completo delle Linee guida .pdf 18K

Scarica la modulistica per la richiesta di contributo e la rendicontazione

Tag:

Leggi anche: